Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Cetin rallenta l’arrivo del titolare. Zappacosta appena va via Santon

Petrachi ferma la  ricerca di un difensore. La Roma risponde a Tutumlu

La scommessa di Petrachi si chiama Cetin e il ds, da qualche giorno, ha bloccato il discorso relativo all’acquisto di un quinto centrale. E’ convinto che il ragazzo possa entrare tranquillamente nelle rotazioni in difesa e l’ultima parola spetterà a Fonseca.

L’ipotesi più plausibile, a pochi giorni dalla fine del mercato, potrebbe essere un difensore che non rientra nei piani del club di appartenenza come Rugani o Lovren. Più caldo si può rivelare l’acquisto di un terzino destro.

La Fiorentina, con Biraghi vicino all’Inter, è alla ricerca di un esterno bifascia e l’identikit è quello di Santon che interessa anche al Parma qualora gli emiliani non riuscissero ad arrivare a Conti. Con la cessione di Santon la Roma chiuderebbe immediatamente l’operazione Zappacosta in prestito con diritto di riscatto.

Defrel, intanto, continua ad essere corteggiato da mezza Serie A col Cagliari che è tornato alla carica. Il presidente Giulini si sta spendendo in prima persona per provare a prendere il francese. Per Schick si attende una proposta ufficiale nei prossimi giorni da parte del Borussia Dortmund.

In stand-by Olsen. La Roma ha replicato, con un comunicato, all’agente Bayram Tutumlu: “Oltre a sottolineare come le stesse siano quantomeno fantasiose, si chiede con sorpresa che ruolo e/o interesse avesse o ritenesse di avere nell’operazione di trasferimento del calciatore Olsen“. Lo scrive oggi Il Messaggero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa