Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Candela: “Questa squadra è forte almeno quanto l’Inter”

Le parole del terzino francese campione d’Italia con la maglia della Roma

Vincent Candela non ha dubbi: “Per me la Roma se la gioca con l’Inter per il terzo posto”. Queste le sue parole concesse in un’intervista a “La Gazzetta dello Sport“.

Domani si inizia, che Roma si aspetta?
“Per me in estate ha fatto bene. Il cambio di tecnico ha portato una ventata nuova, quello che ci voleva. La squadra mi piace, è alla pari con l’Inter. Juve e Napoli sembrano più forti di tutte, ma il calcio è bello anche per questo: i valori iniziali, quelli espressi sulla carta, possono cambiare. La Roma dal 2° al 4° posto ci può star dentro”.

La squadra allestita la convince, dunque?
“Sono contento per il rinnovo di Dzeko, giocatore fondamentale. Sono sicuro farà bene, è sempre professionale. Dietro per me Mancini può diventare un top, ha margini di crescita. E in mezzo è vero che è cambiato molto, anche come modo di giocare, ma ci sono Cristante e Pellegrini che sono una garanzia”.

Fonseca punta a fare risultato con il bel gioco.
“E la cosa mi piace, io sono sempre stato per le squadre che giocano bene. L’aspetto atletico nel calcio di oggi conta tantissimo, ma poi serve anche la qualità tecnica. E la Roma ha gente come Zaniolo, Under, Spinazzola, Pellegrini”.

Il derby alla seconda giornata le mette ansia?
“Direi di no, anzi. Se lo perdi non rischi di andare a -8, -9, siamo solo all’inizio. Ed è un problema in meno. Anzi, il calendario mi piace, le prime dieci partite possono mettere le ali alla Roma. L’importante, però, sarà partire subito bene, battendo domani il Genoa”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa