Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

La prima Roma di Fonseca è senza Perotti e Mancini

Il giovane difensore non ha ancora convinto, l’argentino si ferma prima di iniziare

Sentendo parlare Paulo Fonseca sembra di ritornare alle prime conferenze di Luis Enrique. Grande fiducia, programmi ambiziosi, coraggio a piena mani: «Vincere non mi basta, io voglio dominare. Voglio una squadra d’attacco, non arretro su questo punto. Giocheremo spesso davanti all’area avversaria».

Stasera la Roma inizia il suo campionato con il Genoa e il grande ex Andreazzoli sarà già un buon banco di prova. Andrà in campo, in pratica, la stessa squadra del campionato scorso, con in porta Paul Lopez al posto di Olsen e con Kluivert per Perotti, che ancor prima di iniziare è già incappato nel primo infortunio muscolare della stagione. Il «dominio» che Fonseca vorrebbe estendere sul campionato si basa principalmente sul possesso palla, che per il tecnico portoghese «è il miglior modo per difendersi».

Molti tifosi sono preoccupati per il reparto arretrato sempre molto alto con difensori poco veloci come Fazio o a volte distratti come Juan Jesus. Giusto che Fonseca li difenda («Ho piena fiducia nella squadra»), ma nel frattempo la caccia al centrale affidabile continua: «Ma serve un giocatore che migliori davvero la squadra, non compreremo tanto per comprare». Il difensore più costoso, cioè Mancini (13 milioni all’Atalanta, più 8 di bonus e il 10% di eventuale rivendita) andrà in panchina «perché deve ancora entrare nei meccanismi di un gioco diverso da quello cui era abituato». Lo scrive “Il Corriere della Sera”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa