Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

La solita Rometta

Una Roma a due volti si ferma già alla prima uscita

Bella davanti, fragilissima dietro. Una Roma a metà inizia la stagione con un pareggio poco incoraggiante in casa contro il modesto Genoa di Andreazzoli, e si conferma un cantiere a cielo aperto, con un derby che fa paura alle porte e una settimana di mercato in cui cercare un paio di rinforzi necessari. All’Olimpico c’è un’energia diversa rispetto al finale triste della scorsa stagione.

La Roma parte con sette uomini sulla linea di metà campo: è il messaggio modello zemaniano che Fonseca vuole dare innanzitutto ai suoi ma anche all’avversario. “Noi attacchiamo”. E infatti il gol arriva subito, con una bellissima azione personale di Under che subito dopo manca il bis su splendido lancio di Pellegrini. L’energia è spezzata dal gol “da polli” che la Roma concede a Pinamonti, la prima conferma di una tenuta difensiva  inesistente. Poi Dzeko, il più acclamato, “scherza” in area con Zapata & Co, e timbra il  2-1.

Ma una scivolata esagerata di Juan, però, regala rigore e pareggio agli avversari. Il copione non cambia nella ripresa: giallorossi di nuovo avanti con una punizione perfetta di Kolarov a cui la “goal line technology” dà il giusto premio, ma basta un’azione scolastica del Genoa di Andreazzoli per mettere a nudo, ancora una volta, i limiti di una difesa imbarazzante. La serata ci mostra quanto sia facile far gol a questa Roma, che nonostante la spinta del pubblico e gli innesti di Pastore e Zappacesta (che scivola sul più bello) non riesce a trovare la zampata per dare un senso diverso all’avvio di campionato. Lo scrive “Il Tempo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa