Resta in contatto

Amarcord

Amarcorderby, Lazio-Roma 0-2: anche senza Totti, i giallorossi agguantano le 11 vittorie consecutive (VIDEO)

Taddei e Aquilani regalano ai giallorossi l’undicesima vittoria in campionato, è record. Il capitano, assente per il grave infortunio, segue la partita dalla Sud

Il lungo viaggio che ci porterà a domenica pomeriggio, giorno del derby, passa inevitabilmente anche per il 26 febbraio del 2006. La Roma, forte di 10 successi consecutivi in campionato, deve affrontare gli storici rivali della Lazio senza il suo uomo simbolo, Francesco Totti. Solo qualche giorno prima infatti, durante la partita contro l’Empoli, il capitano giallorosso riportò la rottura del perone che lo costrinse a saltare interamente il girone di ritorno. L’amore per i suoi colori e per il suo pubblico non tennero il numero 10 lontano dalla stadio a lungo: quella sera decise di vivere il derby accanto al suo pubblico, in Curva Sud assieme a Bruno Conti.

La gara, equilibrata e ragionata, si sblocca solo al 31′: da un calcio d’angolo battuto da Mancini, Taddei colpisce di testa “alla Pruzzo“, mandando il pallone oltre la testa di Peruzzi. I giallorossi, forti del vantaggio acquisito, chiudono la prima frazione di gioco in testa. Nella ripresa la Lazio prova a riaprire i giochi, ma invece di trovare il gol del pareggio, arriva la rete della definitiva sconfitta: al 63′ Mancini si invola sulla sinistra in solitaria, entra in area, ubriaca la difesa laziale con una serie di doppi passi, e serve Aquilani, che insacca. Lo stadio Olimpico esplode, la Curva Sud inonda d’affetto Totti e Conti, che si allacciano in un abbraccio liberatorio. La Roma vince la sua undicesima partita consecutiva, e lo fa battendo gli storici rivali della Lazio. A fine gara tutti i giocatori indossano la maglia di Totti, per augurargli una pronta guarigione.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Amarcord