Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Fonseca è al debutto in un vero derby. Quanto pesa il primo esame

Derby d’esordio per il tecnico portoghese

Per Fonseca il derby sarà una novità, non solo perché è la sua prima stracittadina italiana, ma anche perché in carriera non ha mai vissuto un vero e proprio derby. Fin dal giorno in cui ha messo piede a Trigoria chiunque gli ha ricordato l’importanza della partita contro la Lazio, soprattutto adesso che la Roma deve ancora costruirsi. Vincere o perdere un derby alla seconda giornata, prima della sosta, farebbe tutta la differenza del mondo.

Fonseca sta vivendo sulla sua pelle la pressione, mentre l’atmosfera può solo immaginarla. In Portogallo e Ucraina non ha mai giocato sfide così se non nel 2016 con il derby regionale tra Braga e Vitoria Guimaraes. Quando allenava il Porto il Boavista era nella seconda serie e quando allenava lo Shakhtar, il Metalurh Donetskera appena fallito.

In sostanza quello di domenica sarà il primo vero derby della sua carriera, contro Inzaghi che invece nella sua carriera ne ha vissuti tanti, sia da calciatore che da allenatore. Magari l’incoscienza del debutto potrà dare una mano al portoghese, sabato sera la squadra dormirà a Trigoria e magari una vittoria regalerebbe a Fonseca non solo tranquillità in vista della sosta, ma anche un’emozione che nella sua carriera non ha mai provato. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa