Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Amarcord

AmarcorDerby, Lazio-Roma 1-2: Yanga-Mbiwa manda i giallorossi in Champions (VIDEO)

Il 25 maggio 2015 i giallorossi vincono il derby d’alta classifica e conquistano il secondo posto

Il 25 maggio 2015, penultima giornata di campionato, la Roma batte 2-1 la Lazio nel derby e conquista matematicamente il secondo posto in classifica, costringendo i cugini al terzo e ai preliminari di Champions League. La partita si giocò tra le polemiche: i biancocelesti, impegnati nella finale di Coppa Italia il 20 maggio, persa, contro la Juventus, chiesero e ottennero il posticipo della partita a lunedì alle ore 18:00.

La stracittadina vale la Champions League diretta, la Lazio, partita favorita, inizia meglio e impegna seriamente De Sanctis con Candreva e Klose. Rudi Garcia sostituisce nella ripresa Totti e Keita con Ibarbo e Pjanic e i giallorossi cambiano passo, trovando il vantaggio: al 73′ Ibarbo sfugge a Gentiletti e mette un pallone basso in area sul quale si avventa Juan Manuel Iturbe che, di esterno mancino, anticipa Basta e segna la rete del vantaggio. La Lazio riesce però a pareggiare subito, all’81’, con una zuccata di Djordjevic. All’85’, però, succede l’impensabile: Yanga-Mbiwa diventa l’uomo derby che non ti aspetti: il centrale francese stacca di testa su una punizione di Pjanic e batte imparabilmente Marchetti per l’apoteosi della Curva Sud. La Roma conquista il secondo posto matematico.

TABELLINO

LAZIO (4-2-3-1): Marchetti; Basta, De Vrij, Gentiletti, Lulic (55′ Cavanda); Biglia (78′ Cataldi), Parolo; Candreva, Mauri (76′ Djordjevic), F. Anderson; Klose
A disp.: Berisha, Strakosha, Ciani, Mauricio, Braafheid, Pereirinha, Ledesma, Onazi, Keita Balde
All.: Stefano Pioli

ROMA (4-3-3): De Sanctis; Torosidis, Manolas, Yanga-Mbiwa, Holebas; Nainggolan, De Rossi, Keita (67′ Pjanic); Iturbe (84′ Doumbia), Totti (61′ Ibarbo), Florenzi
A disp.: Skorupski, Astori, Cole, Maicon, Balzaretti, Paredes, Ucan, Gervinho, Ljajic
All.: Rudi Garcia

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Amarcord