Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Nainggolan: “Cosa strana sfasciare la squadra dopo la semifinale di Champions”

Radja Nainggolan, centrocampista del Cagliari, è stato intervistato da “Il Corriere dello Sport” ed ha parlato anche della Roma. Queste le sue parole:

Domenica c’è anche il derby, Lazio-Roma…
“Tifo per i miei ex compagni, ci mancherebbe. Gli sono rimasto affezionato. M’hanno detto che Fonseca è bravo. Certo, peccato, fare la semifinale di Champions e poi sfasciare così la squadra. Una cosa troppo strana”.

Monchi e la Roma, Monchi e Nainggolan. cosa non ha funzionato?
“Tu pensa che io ero convinto che Di Francesco non mi voleva, d’accordo con Monchi. Poi, invece, mi ha chiamato alla Samp: “Ti voglio con me”, mi ha detto, “Ci possiamo divertire”.

E Monchi?
“Si vede che il lavoro in Italia non gli è venuto bene. A Siviglia andava forte, Roma non era il suo mondo. Uno che va via dopo cinque mesi e due giorni ha già firmato col Siviglia”.

Ti ha voluto fuori dalla Roma…
“Pensa che ero convinto di avere un buon rapporto con lui. Mi parlava confidenzialmente. Mi chiedeva: questo giocatore che ne pensi, quello come lo vedi?”

Lapidato sui social per esserti congratulato con Dzeko dopo il rinnovo con la Roma…
“Non devo fingere per accontentare la gente. Sono rimasto legato a Dzeko e sono felice se lui è felice. Ho fatto la stessa cosa con Lukaku quando è venuto all’Inter”.

Con chi ti senti della tua Roma?
“A parte Dzeko, più che altro Daniele De Rossi, Totti, Manolas, Pjanic, Jesus, Jesus è forte. Lo criticano, ma mi è sempre piaciuto, come difensore e come uomo. Lui non è il classico brasiliano che si chiude con i suoi”.

De Rossi dice anche da Buenos Aires che ti vuole bene…
“Anche io gliene voglio, molto. Con lui e Totti ho avuto un rapporto speciale. Li vedevo da Cagliari e mi dicevo: “Guarda sti due, saranno due boss… Mi faranno stare zitto”.

E invece?
“Poi li conosci ed è tutta un’altra storia. I primi ad accoglierti sono loro. Francesco sembra uno che scherza sempre, ma poi scopri che è timido. Daniele parlava di più nello spogliatoio, è più cazzuto. Totti è leader in campo”.

Il tuo addio alla Roma è stato un dolore per tanti tifosi…
“Ne parlavo pochi giorni fa con un amico. Sarebbe stato bello tornare. Ma forse è meglio così, lasciarci con la semifinale di Champions. Avremmo rischiato di rovinare quel ricordo”.

Cosa ti manca di Roma?
“Di Roma mi piace tutto e dunque mi manca tutto”.

16 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

16 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa