Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Calma apparente, strategia piatta

I due tecnici non si sbottonano particolarmente in conferenza

Fair play, pretattica e una giusta dose di scaramanzia. La vigilia del derby numero 153 di campionato è trascorsa in maniera decisamente soft. Nessuna frase piccata e punzecchiata da parte dei due allenatori. Simone Inzaghi è il veterano della stracittadina, è la sua diciannovesima in totale e sa bene quanto le parole pesino in questi contesti. Ecco perché il tecnico della Lazio alla frase “siete i favoriti” ha risposto: “Probabilmente in teoria, ma nella pratica assolutamente no“. Alla stessa domanda il collega della Roma, Fonseca, nonostante sia alla sua prima esperienza in fatto di derby, non si è fatto trovare impreparato: “Il fatto di non essere favoriti conta il giusto. La Lazio è fortissima, ha grandi calciatori e un allenatore che allena da tanto la squadra con un sistema di gioco rodato“. Complimenti subito restituiti da Simone: “La Roma ha un allenatore preparato, bravo, ha fatto bene in Ucraina. Ha creato un ottimo clima in poco tempo, i giocatori lo seguono, hanno fatto un buon precampionato“.

 

Inzaghi è tecnico scaltro e ben preparato a quello che può scatenarsi al fischio finale. Usa bene le parole e non si lascia troppo andare. Quella di questo pomeriggio è una partita che mette entrami davanti ad un banco di prova molto importante. Il tecnico biancoceleste è al suo quarto anno e sa che mai come in questa stagione deve centrare quella tanto agognata Champions League. Fonseca, dopo il pari contro il Genoa alla prima, è chiamato all’immediato riscatto. Normale che in questo momento senta su di sé parecchia pressione. La Capitale in questo è specializzata. Non è un caso che durante la conferenza stampa non abbia usato tutte quelle parole a lui molto care come “coraggio”, “attacco”, “aggressività” e “grinta”. Stavolta, invece, ha fatto inversione di marcia: “Non sono un allenatore dogmatico. Non ha una visione chiusa del calcio, a volte sono le circostanze della partita a modulare le scelte che vengono fatte“. Insomma una marcia indietro necessaria. Lo riporta Il Messaggero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa