Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma senza bandiere: Totti e De Rossi lontani

Primo derby dal 1994 senza uno tra Totti e De Rossi in rosa

Il 173.mo derby della Capitale della storia sarà il match d’esordio di Fonseca contro la Lazio, ma sarà anche la prima stracittadina, dopo oltre due decenni, senza uno tra Totti e De Rossi nella rosa della Roma. La storia recente ha raccontato l’addio di DDR, volato in Argentina dopo la scelta di non rinnovargli il contratto, e le dimissioni dell’ex numero 10 a giugno.

Sarà una sensazione strana per tutti non vedere una delle due bandiere tra campo e panchina, basti pensare che l’esordio di Totti nel derby risale al 6 marzo 1994. Da allora saranno in totale 44 le partite giocate dal Capitano contro i biancocelesti, condite da 11 gol segnati, che, a braccetto con Da Costa, lo rendono il miglior marcatore della contesa cittadina. Il battesimo di De Rossi risale invece al novembre del 2003, quando a pochi minuti dalla fine subentra al posto di Cassano con la Roma in vantaggio per 1-0 grazie al tacco di Mancini. In settimana Totti è tornato a parlare dopo un lungo silenzio: “È più si che no, potrei esserci. Sto valutando. Certo sarebbe la prima volta senza allo stadio a vedere il derby dal vivo. Anche da infortunato o squalificato ero sempre là. Questo mi fa pensare“. Sarà sicuramente assente De Rossi, che questa notte giocherà il primo Superclasico contro il River Plate nella sua seconda vita al Boca Juniors. Lo scrive Il Tempo.

5 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

5 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa