Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Pastore parla a France Football: “Il mio stile di gioco o lo ami o lo odi”

Parla il fantasista argentino e lo fa in Francia

Javier Pastore ha rilasciato un’intervista a France Football,  che lo identifica come un alieno del calcio e come l’ex idolo del “Parco dei Principi“, stadio del PSG.

Queste le parole del centrocampista argentino:

“Molte persone me lo dicono. Anche mio padre. Quando parliamo, mi dice: “Se avessi segnato in quel momento, saresti stato il migliore”. Ma è mio padre, non so se devo credere alle sue parole (ride). Ma sì, ho rivisto molte partite di quelle stagioni.
Il gioco è stato molto più lento, abbiamo lavora meno sulla tattica in determinati momenti delle partite. Abbiamo visto di più la qualità tecnica dei giocatori. Era l’aspetto più importante e non necessariamente il lato fisico o il numero di chilometri che percorrevano. “

Sulle statistiche che abbondano
“Sai, a volte puoi avere il 99% di passaggi riusciti, ma nessuno ha creato un gap o un’opportunità da gol. Ho parlato molto con coloro che si sono occupati delle statistiche del PSG. Abbiamo discusso della questione. Volevano a tutti i costi a volte aumentare il mio rapporto di passaggi riusciti. Ho detto loro: “Su dieci passaggi, proverò dieci volte a fare un passaggio decisivo. Se ci sono tre che passano, sono tre goal occasionali. E secondo l’attaccante che abbiamo, sono uno o due goal. Preferisco perdere sette passaggi, ma gli altri tre ci offrono una seconda possibilità”.

Sul suo stile di gioco al confine della nonchalance
“Il mio stile di gioco, o ti piace o lo odi. È così. E quando non mi sento bene fisicamente o non gioco bene, è più facile puntare il dito e insultarmi. È ovvio, non posso nascondermi. Al contrario, quando tutto va bene, tutto può andare molto velocemente. Posso passare dal peggior giocatore al migliore in pochi istanti “.

Sulla sua presunta lentezza nel gioco
“La gente non capisce che far correre il pallone più veloce, rende quel giocatore un calciatore veloce alla fine, giusto? La velocità di gioco non la sia ha semplicemente correndo dritti. Puoi essere il ragazzo più veloce del mondo ma se non sai cosa fare con la palla e la mantieni venti secondi… alla fine, sei un giocatore lento che rallenta la tua squadra “.

17 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

17 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra