Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Fonseca riparte dal mercato

Difesa alta, verticalizzazione continua e pressing collettivo

La risalita della Roma passa dal mercato che Petrachi completa al fotofinish con Smalling, Kalinic e Mkhitaryan. Due di questi sono titolari e sono i sostituti di Manolas ed El Shaarawy. Il lavoro di Fonseca avrà finalmente un senso dopo la chiusura del mercato e non riparte da zero ma quasi. Lo stile è inequivocabile: difesa alta, verticalizzazione continua e pressing collettivo.

Contro la Lazio si sono visti gli accorgimenti dopo le tre reti prese dal Genoa ma la sua idea è rimasta quella di partenza: il 4-2-3-1 propositivo e comunque spregiudicato. La sosta aiuta il tecnico che si prepara a cambiare almeno un uomo per reparto inserendo, gradualmente, qualche nuovo. Mancini è stato titolare nel derby, Diawara ha esordito per 5 minuti e quindi va dunque dato per scontato l’inserimento di Smalling.

Il giocatore della virata è Veretout che è il centrocampista di sostanza e interdizione fondamentale per l’equilibrio della Roma. La terza mossa da mettere in preventivo è in avanti che è Mkhitaryan. L’armeno lascia subito Trigoria per andare in nazionale, ma è da considerare pronto per prendersi la maglia avendo giocato anche domenica nel derby di Londra. Lo scrive oggi Il Messaggero.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa