Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Franco Tancredi: “Fonseca mi ha convinto. Pau Lopez bravo e perfetto per il gioco della Roma”

Lo storico portiere giallorosso parla dell’attuale rosa giallorossa

E’ intervenuto ai microfoni di “TeleRadioStereo 92.7“, Franco Tancredi, ex portiere  giallorosso campione d’Italia nella stagione 1982/1983 e vice campione d’Europa nel 1984. Ecco le sue parole:

“La Roma? Mi fido molto dell’allenatore, mi sembra uno che sappia il fatto suo ed è determinato. Deve migliorare la lingua perché altrimenti risulta difficile trasmettere le cose al gruppo. Mi sembra intelligente e mi piace come mette la Roma in campo”.

Su Pau Lopez: “Mi sembra molto reattivo e sveglio. Ha due ottime qualità soprattutto per come gioca la squadra ovvero legge bene tatticamente i passaggi in profondità e ha ottimi tempi di uscita nell’uno contro uno e con i piedi è molto preciso e coraggioso. Si è approcciato bene sin dal primo giorno, è conscio delle sue qualità ma ha anche grande voglia di imparare. Purtroppo però dal punto di vista tecnico i portieri stranieri non sono al livello della scuola italiana. Anche nei più bravi si nota il modo diverso di lavorare”.

Sul cambiamento del ruolo del portiere: “Il portiere va preso in base alle qualità che ha e soprattutto in base al tipo di gioco nella testa dell’allenatore. Pau Lopez mi sembra adatto al gioco di Fonseca”.

Su Smalling: “Smalling è il classico centrale inglese roccioso e forte di testa, anche in fase offensiva, ma ha anche buon senso dell’anticipo ed è capace di comandare la difesa. Il suo unico problema è che essendo molto alto, pur essendo veloce, nei primi metri risulta macchinoso”.

Sulle difese ballerine del campionato: “Siamo stati storicamente sempre molto sparagnini nelle prime giornate di campionato quindi credo ci sia bisogno, specialmente per chi ha cambiato tecnico, di quel fisiologico tempo per registrare il reparto arretrato. Sono convinto che dalla prossima partita le cose cambieranno notevolmente”.

Sulla rosa della Roma: “Il problema della Roma sarebbe potuto essere l’allenatore nuovo ma come detto prima mi ha convinto e lo vedo calato nel gruppo. Ora con gli ultimi colpi di mercato la Roma cambierà registro e ne gioverà parecchio. A centrocampo Cristante e Pellegrini hanno bisogno di tempo pechè si stanno adattando non essendo nati mediani”.

Infine su quale attaccante lo metterebbe oggi più in difficolta: “Io impazzisco per Dzeko. Ha un tiro in grado di anticipare e spiazzare le intenzioni del portiere ed è una cosa che hanno in pochi”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News