Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Hubschman: “Mkhitaryan è un grande acquisto per la Roma”

“Miki, oltre ad essere un gran giocatore, è una splendida persona”

Tomas Hubschman, oltre ad essere stato un pilastro della nazionale ceca, ha guidato per un decennio la difesa dello Shakhtar Donetsk, maglia con cui ha vinto molti campionati ed un trofeo continentale (la Coppa Uefa del 2008-09).

Proprio in Ucraina, l’attuale capitano dello Jablonec ha conosciuto e condiviso lo spogliatoio con Henrikh Mkhitaryan, nuovo giocatore della Roma. Raggiunto telefonicamente dalla redazione di Teleradiostereo, Hubschman ha parlato del suo ex compagno e non solo.

Tomas, Mkhitaryan è diventato un nuovo giocatore della Roma: credi che i giallorossi abbiano fatto un grande colpo di mercato?
“Sì, è stato sicuramente un grande acquisto da parte della Roma, perché Henrikh, oltre ad essere una splendida persona, è un bravissimo giocatore”.

Può essere ancora determinante in un campionato come quello italiano?
“Henrikh è uno che si adatta velocemente. Penso che possa imparare ancora qualcosa in Italia”.

Che ricordo hai di lui? Vi siete sentiti ultimamente? 
“Lo seguo sempre, continuiamo a sentirci e a parlare”.

Conosci Fonseca? Credi che Mkhitaryan possa trovarsi bene con lui?
“Conosco il mister dai racconti dei miei ex compagni dello Shakhtar, me ne hanno parlato bene. Sono convinto che troveranno il modo per intendersi e che lavoreranno bene insieme”.

Un’ultima domanda. Un tuo connazionale, Patrick Schick, ha appena lasciato la Roma senza riuscire ad imporsi: è un giocatore da grande club o deve ancora crescere?
“Patrick è un giovane talento, ha solo bisogno di giocare regolarmente, con continuità. Spero che al Lipsia possa tornare ad essere quel calciatore che abbiamo ammirato ai tempi della Samp”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News