Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Ultima fiammata. Petrachi incassa Kalinic e Mkhitaryan

Fino all’ultimo giorno di mercato la Roma è stata tra le più attive

Lo spazio per l’analisi dopo il derby è davvero poco perché le porte a Trigoria continuano ad essere girevoli. Via Schick, Lipsia, e dentro Kalinic e Mkhitaryan che arriva in prestito con diritto di riscatto che diventa obbligatori a determinate condizioni.

E’ un elemento importante se messo nelle migliori condizioni e dal suo arrivo all’Arsenal è stato uno tra i migliori per gli assist con 12. Viene alla Roma per giocare esterno di sinistra ed è stato allettato dalla possibilità di giocare tanto, oltre che per l’amore per l’Italia.

Oltre a lui il benvenuto va dato anche a Kalinic che arriva al posto di Schick salutato senza troppi rimpianti dopo due stagioni. Operazione in prestito oneroso anche quella che riguarda l’attaccante croato: “Sono molto contento perché sono arrivato in un grande club. Sono orgoglioso di fare parte diquesta squadra perché ha una grande storia“. Kalinic sfrutterà le prossime due settimane per inserirsi, cosa che non portà fare il giocatore armeno partito per la nazionale. Questa mattina la ripresa con l’analisi di quello che non è andato contro la Lazio e l’inserimento graduale dei nuovi. Li scriveoggi La Repubblica.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa