Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mkhitaryan-Dzeko, capitani contro e lo show di Yerevan fa felice la Roma

Dzeko e Mkhitaryan: che show in campo

Vedendo Armenia-Bosnia, Fonseca si è sfregato le mani. In campo c’erano Mkhitaryan e Dzeko dal primo minuto ed entrambi con la fascia da capitano sul braccio. Le danze sono state aperte dall’armeno dopo 3 minuti di gioco. L’ex Arsenal ha giocato una partita magnifica: nel primo gol ha messo a sedere il portiere, nel secondo è arrivato al tiro dopo una fitta rete di passaggi con la palla sotto l’incrocio dei pali. Per lui anche un assist e un autogol procurato allo scadere.

A dare la sensazione di quanto potrà aiutare la Roma è la sua capacità di addomesticare il pallone sulla fascia con una grandissima rapidità, partire e crossare con estrema precisione al centro. Queste qualità sono venute meno ai giallorossi dopo la cessione di El Shaarawy, l’infortunio di Perotti e la scarsa personalità dimostrata da Kluivert dimostrata contro Genoa e Lazio. In rete anche Dzeko che ha pareggiato il match dopo 10 minuti il gol di Mkhitaryan, ma è servito a poco per evitare la sconfitta ai suoi.

Quando nessuno se lo aspettava ha rinnovato con la Roma e la felicità dimostrata dai tifosi gli dovrebbe dare una nuova carica. L’acquisto di Kalinic gli può permettere di non caricarsi l’intero reparto sulle spalle. Fonseca comunque sta lavorando anche sulla difesa, difficile vedere cambiamenti radicali già contro il Sassuolo domenica, anche perché soltanto da domani il mister avrà il reparto al completo. Lo scrive “Il Messaggero”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa