Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma, si fa sul serio. Veretout e Smalling preparano la prima

I due giallorossi pronti a prendersi una maglia da titolare con il Sassuolo

Oggi, ma soprattutto domani, Fonseca avrà tutti a disposizione per l’allenamento con Spinazzola che si unirà presto dopo aver smaltito il guaio muscolare, mentre Under, Perotti e Zappacosta dovranno lavorare ancora a parte. Ci sarà Mkhitaryan che si allenerà per la prima volta con i nuovi compagni e l’allenatore portoghese non vede l’ora di scoprire l’effetto che fa. Inoltre Veretout e Smalling saranno i titolari inseriti per la prossima partita.

Dopo le macerie dello scorso anno e i giocatori costantemente sull’orlo di una crisi di nervi, quello che sta nascendo sembra essere un gruppo sano. Dzeko è stato convinto a restare, le discussioni in campo, come quella tra Pellegrini e Kolarov, finiscono là, e i giovani sono aiutati dai più vecchi. Petrachi, durante la prima conferenza stampa, ha chiesto ai giocatori senso di appartenenza e questo sta ricevendo.

Contro il Sassuolo ecco Smalling titolare insieme a Fazio e poi con Mancini mentre il centrocampo si poggerà sulle spalle di Veretout. Accanto a lui si alterneranno Cristante e Diawara e quando non giocherà davanti anche Pellegrini. L’attacco vedrà Dzeko come padrone anche se Kalinic vuole offrire più opzioni possibili. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa