Resta in contatto

Rassegna Stampa

Pallotta a caccia di sponsor

Si cercano nuovi sponsor per Tor di Valle

Terminati due lunghi mesi di calciomercato per la Roma di Fonseca è tempo di pensare solamente al campo, mentre la dirigenza guidata dal presidente Pallotta, che ha deciso di ristrutturare l’organigramma della società a gennaio nominando Fienga come Ceo, è focalizzata sulla continua ricerca di nuovi sponsor e sul portare avanti il progetto relativo al lo stadio a Tor di Valle.

Il compito di chiudere nuove partnership commerciali è in mano a Calvo, un dirigente che sta scalando sempre più posizioni nell’indice di gradimento dell’imprenditore di Boston soprattutto per la sua personalità. Calvo, rappresentante del club nell’ultima riunione dell’Eca andata in scena a Ginevra, nelle prossime settimane potrebbe ricevere una nuova carica, che non sarà però quella di direttore generale. Possibili novità sono attese nelle prima settimana di ottobre, periodo in cui il consiglio d’amministrazione delibererà l’approvazione del bilancio relativo alla stagione 2018/19.

Nel frattempo il manager, passato anche attraverso le esperienze alla Juventus e al Barcellona, è a caccia di aziende che possano legarsi alla Roma: a viale Tolstoj stanno cercando un marchio da piazzare sulla manica sinistra della maglia da gioco, uno sponsor che acquisisca i diritti di denominazione del centro sportivo di Trigoria e un’azienda che possa sostituire Betway.

Intanto è stato chiuso un accordo con l’artista Simone Legno e il suo brand di lifestyle di ispirazione giapponese fondato nel 2005: il quarantaduenne nato a Roma ha conquistato Pallotta disegnando una bozza della versione rinnovata della mascotte Romolo in un ristorante statunitense.

Per quanto riguarda il futuro impianto giallorosso si attende da parte del Comune guidato dalla Sindaca Raggi la convocazione di una riunione plenaria a cui parteciperanno i rappresentanti del club, Eurnova e tutti gli altri enti coinvolti.

La delegazione romanista, guidata dal vice-presidente esecutivo Baldissoni, spera in un definitivo passo in avanti, in modo da scongiurare una volta per tutte il rischio di dover avviare una causa nei confronti del Campidoglio e contestualmente di portare avanti il piano-B pensato a Fiumicino. Sul fronte sportivo Petrachi ha rivoluzionato l’intera area scouting, con il solo Vallone confermato rispetto agli uomini che fino allo scorso anno avevano lavorato con Sabatini prima e Monchi poi.

Il ds salentino ha personalmente scelto Massimiliano Greco come fisioterapista e Tiberio Ancora come educatore alimentare, si è portato dal Torino i fedelissimi Cavallo e Longo, mettendo poi sotto contratto un unico osservatore, Stefano Luxoro, che ha firmato un triennale: per il momento oltre all’ex Milan non verranno aggiunti altri scout. Un ruolo importante è stato assegnato a De Sanctis, che da team è diventato una sorta di braccio destro di Petrachi. Lo riporta Il Tempo.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
trackback

[…] di Fonseca è tempo di pensare solamente al campo, mentre la dirigenza guidata dal presidente Pallotta, che ha deciso di ristrutturare l’organigramma della società a gennaio nominando Fie…. Il compito di chiudere nuove partnership commerciali è in mano a Calvo, un dirigente che sta […]

Advertisement

Agostino Di Bartolomei

Ultimo commento: "Bravo, il più bel commento sul grandissimo e inarrivabile Ago!"

Nils Liedholm

Ultimo commento: "Pure io diventai giallorosso per il Barone e per Falcao e dato che abito a Torino pure per il gusto di contrastare la odiata juventus e tutti gli..."

Giuseppe Giannini

Ultimo commento: "Capitano mio capitano quanto ne sarei felice se allenassi un giorno la nostra amata Roma. Grazie Peppe"

Francesco Totti: uomo, capitano e leggenda

Ultimo commento: "Colui che ha rappresentato tutto ... l'amore della mia vita per il calcio e per questa squadra..."

Daniele De Rossi

Ultimo commento: "Il solo capitano degno di Agostino"
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

Altro da Rassegna Stampa