Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Roma, incontro con la vittoria

Dopo due pareggi, Fonseca cerca la prima gara da tre punti

La partenza della Roma è fatta in casa. Oggi pomeriggio, ospitando il Sassuolo, i giallorossi giocheranno il terzo match di fila all’Olimpico. Strano ma vero. Come il raccolto, fin qui misero: 2 punti su 6 disponibili, sprecando contro il Genoa e rischiando contro la Lazio. Fonseca, dunque, cerca il primo successo ufficiale con il nuovo club ma soprattutto anche l’equilibrio dell’assetto. Finora inesistente, è la priorità per il portoghese.

Petrachi ha sistemato la rosa al fotofinish prendendo nelle ultime ore di mercato Smalling, Kalinic e Mkhitaryan. Richieste mirate dell’allenatore che dei tre, però, può far debuttare solo Mkhitaryan. Smalling si è fermato in dirittura d’esordio e Kalinic non è ancora atleticamente al top. Così l’Olimpico non si riempie: attesi 30 mila spettatori. Fonseca, però, deve guardare oltre. Più che agli interpreti da utilizzare e da presentare al pubblico, il suo pensiero va alle correzioni da fare. Vuole dare un’identità alla squadra per renderla quanto prima competitiva e riportarla in corsa per la zona Champions.

Gli infortuni lo hanno sicuramente penalizzato nella fase di assemblaggio. A cominciare da Veretout che ritiene indispensabile per il suo sistema di gioco. Oggi contro il Sassuolo è finalmente pronto a vestire per la prima volta la maglia giallorossa, avendo saltato, oltre che le 2 partite di campionato, anche tutte le amichevoli estive. Veretout e Mkhitaryan, quindi, sono le uniche novità del pomeriggio. Fondamentali per avviare la risalita in classifica: l’affidabilità del mediano e il talento del trequartista dovrebbero aiutare il 4-2-3-1 a essere più efficace e al tempo stesso più compatto. Fonseca, insomma, si prepara a confermare, per nove undicesimi, la squadra del derby. Lo scrive Il Messaggero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News