Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Petrachi: “Teniamo all’Europa League. Il Pastore vero fa la differenza”

Parla il ds dei giallorossi

Gianluca Petrachi, direttore sportivo della Roma, ha rilasciato un’intervista a Sky Sport prima di Roma-Istanbul Basaksehir:

La Roma negli anni passati non approcciava bene questa competizione. Come si costruisce una mentalità vincente?
“Facendo capire ai giocatori quanto la società ci tenga a questa competizione. Siamo stati molto chiari, ci teniamo ad andare avanti. Non sottovalutiamo l’avversario anche se è un nome a tanti sconosciuto, ha buoni giocatori e dobbiamo avere subito l’approccio giusto alla gara. Questa è una cosa che ha fatto anche il mister e mi auguro che anche i giocatori non sottovalutino la gara”.

Pastore partirà titolare, è un modo di metterlo in vetrina o può rilanciarsi?
“Il mister lo metterà nella sua posizione migliore, quella da trequartista. Non ci possono essere alibi, questo ruolo è sempre stato il suo cavallo di battaglia. Si è allenato bene, certamente se Pastore fa il vero Pastore fa la differenza. Adesso sta a lui di riappropriarsi l’affetto dei tifosi che l’hanno aspettato. Domenica purtroppo ci sono stati dei fischi, ma basta poco per riconquistare la gente di Roma e la propria tifoseria”.

Fonseca gioca un calcio moderno.
“Devo dire che io sono stato catturato da questo allenatore. E’ giovane, ma è avanti. Sta lavorando tanto per portare quel tipo di mentalità che in Italia non è semplice da apprendere immediatamente. Ha capacità dialettica, riesce a farsi capire bene dai ragazzi. Giorno dopo giorno sta iniziando a conquistarli, soprattutto dal punto di vista tattico. Nell’ultima partita ho visto quello che vedo in settimana, sono ottimista e voglio esserlo. Il viatico giusto è fare quello che vuole l’allenatore. Lui è un vincente, ha la cultura del vincere attraverso il gioco. Mi auguro che si possa riuscire a portare qualcosa di importante a Roma”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra