Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Fonseca: “Dal derby abbiamo imparato molto”

Il tecnico portoghese: “E’ stato molto importante per capire cosa non facevamo bene”

Otto reti nello spazio di due gare, 12 complessive dall’inizio di stagione, con 7 marcatori diversi e prima volta senza subire gol. È il biglietto da visita di Fonseca in vista della trasferta di Bologna: «Squadra forte, abbiamo poco tempo per recuperare», il monito.

Il portoghese non si esalta per il 4-0 ai turchi e rimarca come il primo tempo non gli sia piaciuto: «Non abbiamo fatto bene il pressing e in fase offensiva siamo mancati. Senza contare che in alcuni momenti siamo stati molto lunghi».

Un’altra squadra nella ripresa: «È vero, abbiamo disputato una buona partita con molte occasioni da gol». Più di quelli segnati, sembra soddisfatto di quelli non subiti: «Sono molto contento. È stato molto importante il derby, per capire cosa non facevamo bene. Ne abbiamo parlato insieme per cambiare ed essere più aggressivi. La squadra ha capito la mia idea di calcio».

Menzione d’obbligo per Zaniolo: «Nel primo tempo non aveva capito come attaccare lo spazio ma non era il solo. Pastore? Anche lui faticava. Poi nella ripresa è cambiata l’intensità, ha trovato la posizione e s’è visto». Lo scrive oggi Il Messaggero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa