Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Fonseca: “Abbiamo meritato e dominato”

“Stiamo bene fisicamente, noi vogliamo sempre vincere”

Al termine del match disputato contro il Bologna di Sinisa Mihajlovic, il tecnico giallorosso Paulo Fonseca ha analizzato il risultato del match. Queste le sue dichiarazioni:

Paulo Fonseca, allenatore della Roma, è stato intervistato durante il post-partita di Bologna-Roma 1-2. Queste le sue parole:

FONSECA A SKY SPORT

Terza vittoria consecutiva, questa è stata la vittoria del carattere…
Prima di tutto abbiamo meritato la vittoria, abbiamo giocato bene. Abbiamo dominato tutta la partita, è vero che nel secondo tempo il Bologna è salito più volte e ha creato una o due occasioni da gol ma come ho detto abbiamo meritato la vittoria per il carattere e l’unione, oltre al coraggio che abbiamo dimostrato qui.

Ci ha stupito la condizione atletica della squadra visto che eravate in inferiorità numerica. E’ soddisfatto?
Sì, non possiamo dimenticare che abbiamo giocato con l’Istanbul a metà settimana. Stiamo bene fisicamente.

In Italia può succedere che anche giocando bene si può anche perdere la partita. E’ consapevole di questo?
Io ho visto molte partite e so perfettamente che la partita è sempre pericolosa. Lo sappiamo che anche quando abbiamo la palla possiamo correre dei rischi.

Non si preoccupa delle critiche? In un certo senso sei un extraterrestre perché vieni da un altro Paese…
Se noi capiamo la situazione dall’inizio possiamo vedere che non abbiamo cambiato le cose. Penso che questo modo di giocare è un modo più realista. Noi vogliamo sempre vincere.

Come hai convinto Dzeko a rimanere e a farlo diventare così determinante?
Penso che tutti, non solo Dzeko, siano contenti. E’ possibile vederlo dal modo in cui abbiamo giocato. Dzeko è fondamentale, è un grandissimo giocatore. Dal primo giorno ho lavorato con Dzeko, l’ho motivato, entusiasmato. Confido molto in lui.

FONSECA A ROMA TV

Una vittoria diversa rispetto al passato, di carattere…
Sì, abbiamo meritato la vittoria perché abbiamo fatto un gioco coraggioso. È difficile giocare qui con questa squadra. Il Bologna è una buona squadra, ma noi abbiamo fatto meglio e abbiamo creato occasioni per vincere. Abbiamo vinto perché abbiamo carattere.

Numeri importanti per la difesa della squadra…
Stiamo imparando anche difensivamente, il Bologna non ha avuto molte occasioni. Abbiamo giocato sempre nella metà campo offensiva. La squadra sta imparando in fase difensiva, è importante.

Coraggio è andare alla ricerca del gol al 95′. Questo la ripaga?
Quando parlo di coraggio parlo di una squadra che domina la partita in trasferta contro un grande avversario. Abbiamo fatto questo, abbiamo attaccato sempre e creato situazioni. Per questo dico coraggio.

Preferiva una grande prestazione con un risultato negativo o il contrario?
Sono realista, mi piace un buon calcio ma prima devo vincere. Possono essere come oggi tutte le partite. Di certo dobbiamo soffrire, ma per me è più importante vincere.

Come mai nel primo tempo, anche in coppa, manca il coraggio di andare a dribblare?
Nel primo tempo non abbiamo fatto movimento in profondità nell’ultimo terzo di campo. È vero è mancata un po’ di iniziativa individuale. Non siamo arrivati con pericolo nell’area avversaria e questo dobbiamo imparare a farlo. Ma una cosa che non possiamo dimenticare è che noi abbiamo fatto una partita in mezzo alla settimana, il Bologna no. Anche per questo è importante vincere, la squadra ha dimostrato capacità di sacrificio.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra