Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Fonseca: “È giusto così, ci abbiamo creduto”

Dimostrazione di carattere per gli uomini di Fonseca

Fonseca è certamente più che raggiante dopo il terzo successo consecutivo, arrivato grazie ad una dimostrazione di carattere in una situazione di inferiorità numerica in una partita pressoché conclusa.

L’allenatore della Roma, è soddisfatto della prova offerta dalla sua squadra: “Era la nostra prima vera trasferta e dovevamo dimostrare lo stesso spirito visto all’Olimpico. Abbiamo creduto fino all’ultimo di poter vincere e per questo abbiamo meritato. Siamo stati dominanti, abbiamo giocato spesso nella metà campo offensiva anche se negli ultimi trenta metri è mancata la giusta qualità, un qualcosa su cui dobbiamo lavorare. E’ vero che nel secondo tempo il Bologna è salito più volte e ha creato una o due occasioni da gol ma abbiamo meritato la vittoria per il carattere e l’unione, oltre al coraggio che abbiamo dimostrato”.

Il tecnico portoghese non può che godersi uno Dzeko ritrovato rispetto al passato: “Edin è fondamentale, è un leader e un grandissimo giocatore. Sono molto felice perché non ho lavorato con il Dzeko dell’anno scorso. Ho lavorato dal primo giorno con un calciatore motivato, entusiasta e felice. È troppo importante, confido molto in lui”.

Parole dolci anche per Veretout: “Jordan ha fatto molto bene, ha chiuso in crescendo ed è stato protagonista in occasione del gol. È un giocatore molto importante per noi“. Lo scrive Il Tempo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa