Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Giannini: “Dzeko un leader simile a Totti, trascina i compagni con le sue qualità”

Giannini

Parla l’ex giallorosso: “A Bologna vittoria importante

Giuseppe Giannini, ex capitano e bandiera della Roma ha parlato a Tuttomercatoweb.com della vittoria in extremis dei giallorossi sul campo del Bologna:

E’ un momento importante anche perché quando ci sono partite ravvicinate il rischio è di uscirne male. E’ stato un successo importante anche per consolidare a livello di immagine ciò che la Roma è sempre stata“.

Per il campionato che segnala manda la Roma?
“Credo che giallorossi debbano correre a fari spenti, senza esaltarsi o andare a mirare mete di cui ora è prematuro parlare. Credo che per lo scudetto sia molto difficile, l’obiettivo quarto posto invece è un traguardo assolutamente possibile. Gli ultimi arrivati peraltro hanno alzato il livello tecnico e di esperienza anche se uno di questi, Smalling, deve ancora giocare”.

Da grande centrocampista che cosa pensa di Veretout e del suo inizio con i giallorossi?
“Mi è sempre piaciuto, anche quando era alla Fiorentina. Qualcuno aveva storto il naso al momento del suo acquisto, invece sta facendo molto bene, ha giocato due buonissime partite e spero possa continuare così. Ha caratteristiche che altri non hanno: abbina qualità e quantità ed è un punto di riferimento e di equilibrio quando la Roma decide di far giocare Pellegrini e Zaniolo”.

Si aspettava che Dzeko potesse diventare il leader di questa squadra?
“È un leader simile, come atteggiamento a Totti. Non è cioè un leader che trascina i compagni col carattere o gli atteggiamenti ma lo fa con la sua qualità, le sue giocate, la sua visione di gioco, il calcio che ha in testa”.

E poi c’è Pellegrini, sempre più importante.
“È un giocatore che sta compiendo il passo definitivo per la sua crescita. Si è trasformato e sta mostrando le sue qualità sia segnando sia sfornando assist. E sta facendo bene in Nazionale e nella Roma”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News