Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Fonseca alza le mani: “Non abbiamo mai visto il pallone”

Fonseca cambia tre moduli in 90 minuti, ma non basta a sopperire alle mancanze della squadra. La sfida di ieri mette in luce diverse criticità che vanno sistemate

Brutta sconfitta, la prima stagionale, per la Roma di Fonseca. Quasi inevitabile visto l’atteggiamento voluto dal tecnico lusitano, che in 90′ cambia tre moduli provando a recuperare una gara sfuggitagli dopo l’ingresso di Zapata. In precedenza, la decisione dopo 15 minuti d’iniziare a difendere a cinque (non a tre) contro un avversario che in quel momento aveva il suo centravanti in panchina, lascia perplessi. È vero che Hateboer e Gomez un paio di volte avevano trovato la linea di fondo ma senza un finalizzatore, i giallorossi sembravano comunque controllare agevolmente la partita.

Ne è uscita così fuori una squadra snaturata che per lunghi tratti ha dato l’idea di non sapere cosa fare. Il tecnico non si nasconde e rende merito alla squadra di Gasperini: “Loro hanno meritato la vittoria. Non abbiamo fatto una buona partita, pur avendo avuto delle occasioni. Il vero problema è che non abbiamo mai controllato il gioco. Meglio l’Atalanta. Non abbiamo mai avuto la palla, è difficile giocare contro un avversario che fa la marcatura a uomo in tutto il campo”. Lo riporta Il Messaggero.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa