Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Zapata sui piedi. L’Atalanta dà lezioni alla Roma

Il primo KO stagionale fa male, non tanto per il risultato, quanto per la gestione della squadra. L’ingresso di Zapata spezza la Roma, il castello crolla

La prima sconfitta stagionale arriva, ed è una doccia fredda. Non tanto per il risultato, ma per l’involuzione della squadra, a soli 3 giorni dalla gara di Bologna. Perde Fonseca, e perde male perché il portoghese (forse per eccesso di stupire) cambia uomini, moduli, idee e manda in tilt un gruppo che sembrava aver trovato la quadra. Nel primo tempo la Roma, passata dalla difesa a 4 a quella a 3 in una manciata di minuti, aveva tenuto bene il campo non concedendo quasi nulla all’Atalanta e andando vicina al gol con Dzeko fermato da un ottimo Gollini. Dopo l’uscita di Spinazzola e il passaggio definitivo ai tre centrali, però, il caos è stato totale e Gasperini ne ha approfittato indovinando cambi e strategie. Dentro Zapata, e per la difesa giallorossa è stato il patatrac anche a causa dell’errore macroscopico di Veretout passato in pochi giorni dalle stelle alle stalle. Il passaggio scellerato del francese ha innescato il contropiede di Gomez e permesso a Duvan di spaccare la porta. Poco prima Zaniolo aveva avuto il pallone buono, ma per eccesso di egoismo (o forse per mancanza di visuale) ha fallito il vantaggio permettendo agli ex romanisti Kjaer e Toloi di prendersi le pacche sulle spalle. Lo riporta Leggo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa