Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Fonseca, il tatticismo “italiano” riporta la squadra nell’anonimato

Atteggiamento errato contro l’Atalanta

La Roma torna nella marea, alti e bassi frenetici, sempre a caccia dell’equilibrio. C’è qualcosa da analizzare dopo la sconfitta contro l’Atalanta. Le parole di Fonseca sono state: “Non abbiamo mai avuto il controllo del gioco“, figlie di una scelta che non ha pagato, ma non la difesa a 3, ma bensì l’atteggiamento. La Roma non ha provato a fare il calcio che Fonseca conosce e per il quale è stato ingaggiato. Ha creato una squadra sulla base degli avversari e ad un certo punto non è riuscito ad invertire la rotta.

I giallorossi hanno giocato male, sono stati passivi e hanno lasciato l’iniziativa ai nerazzurri. Il coraggio di cui l’allenatore ha sempre parlato non si è visto, specie negli scontri diretti fin qui giocati. All’Olimpico la Roma ha mostrato una fragilità insolita: sono 7 i gol subiti in tre uscite e solo una volta, in 92 anni di storia, ha fatto peggio ed era la stagione 47/48. Cambiare ora non ha senso, significa trasmettere negatività alla squadra, toglierle certezze che stava acquisendo pian piano. Il pacchetto difensivo gode di Smalling, la cui prestazione è stata incoraggiante, e di un Mancini che sta aspettando il pieno ambientamento. Fazio sta andando a corrente alternata, così come Jesus. Lo riporta Il Messaggero.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa