Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mani da rigore o no? Regole cervellotiche. Tante interpretazioni

Alla Roma manca un rigore netto

Il tocco con il braccio in area di rigore di Lucioni all’8′ minuto di Lecce-Roma sarebbe dovuto essere punito con il calcio di rigore, ma ciò che è più interessante da analizzare è l’interpretazione del direttore di gara Abisso.

Tre aspetti hanno condizionato la sua decisione: la distanza ravvicinata, il braccio all’altezza e non sopra le spalle e soprattutto la dinamica dell’episodio, in cui Lucioni non si oppone ad un tiro avversario, ma al tentativo di giocata del suo portiere. Queste circostanze confinerebbero l’episodio in una zona grigia, dove la Var non deve intervenire. Insomma, quasi uno spazio di libera interpretazione per l’arbitro. E di difficile compresione per tutti gli altri, però. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa