Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Fonseca, il motore è ibrido

L’equilibrio di Fonseca è nel senso delle misure

La Roma di Lecce ha dato la sensazione di essere una squadra solida, al di là dell’imbattibilità finalemente raggiunta da Pau Lopez. È il merito è anche degli aggiustamenti dell’allenatore, che ha impostato la squadra con quella che Spalletti chiamava la difesa a “tre e mezzo”. Quando attacca imposta a tre, con Florenzi basso, quando difende ritorna a quattro.

La freschezza atletica di Kluivert aiuta la squadra a ricompattarsi all’indietro in un 4-5-1 nel quale Veretout si allarga a sinistra per coprire i vuoti lasciati da Mkhitaryan e Pellegriniarretra quasi sulla linea dei mediani per rinforzare la testuggine. Insomma, il famoso 4-2-3-1 esiste ancora, ma solo come riferimento statico. Lo scrive oggi il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa