Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Manninger: “Il Wolfsberg non è una squadra da Serie A, ma fanno molto bene con i mezzi che hanno”

L’ex portiere austriaco: “La vittoria contro il Borussia ha sorpreso tutti. In Austria sono una squadra da mezza classifica che gioca un campionato tranquillo”

Alexander Manninger, ex portiere di Arsenal, Liverpool e Juventus, è intervenuto ai microfoni di Tele Radio Stereo. Ecco le sue parole:

“Il calcio austriaco? E’ sempre stato uno sport molto limitato anche per via delle condizioni metereologiche. Ogni squadra nella massima serie austriaca ha impianti all’avanguardia con il riscaldamento. Stiamo lavorando per migliorare la situazione ma l’Italia resta sempre l’Italia”.

Sulla Serie A
“Non dipendono dalla Juventus le sorti del campionato italiano ma dagli altri. Negli ultimi anni sono mancati competitor reali come le milanesi, le romane e il Napoli che hanno fatto fatica. Se le altre migliorano la Juve fatica. E’ una conseguenza”.

Sul Wolfsberg
“Non è sicuramente una squadra che farebbe la Serie A. E’ una squadra di provincia, di un paese minuscolo. Lavorano molto bene con i mezzi che hanno. Sono giovani, corrono molto, hanno fame. Non hanno esperienza ma la stanno facendo piano piano. La vittoria in Germania contro il Borussia ha sorpreso tutti. In Austria sono una squadra da mezza classifica, che gioca le partite di campionato in modo tranquillo. L’ arrivo in Europa è il massimo per loro”.

Infine su Antonio Conte
“E’ un professionista al 110% sia da giocatore che da allenatore. Chiede più del massimo perchè dà più del massimo. La vittoria è nel DNA di Antonio Conte”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News