Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma, Smalling 6 forte. Aldair ha trovato l’erede

Il «sei» è un numero ma anche un tempo verbale che richiama l’essenza

Probabilmente i tifosi della Roma hanno riscoperto un numero che diventa carne e sangue: Chris Smalling è un «sei». Chissà, forse come quello che per 13 anni vestì la maglia della Roma facendo innamorare tutti e conquistando il mondo, Aldair Nascimento do Santos. Per questo, il 2 giugno 2003, il club giallorosso organizzò un «Aldair Day», cioè un’amichevole alla cui conclusione la maglia numero 6 fu ritirata.

Dieci anni più tardi però, per venire incontro al desiderio di Kevin Strootman il «mai più» divenne «perché no» e così l’olandese ereditò il 6. Ma adesso le cose sono ulteriormente cambiate visto che – 16 anni più tardi – quel numero è tornato addosso ad un difensore. Smalling, appunto, che sta facendo sognare. Se già all’esordio, forse unico tra i giallorossi, contro l’Atalanta aveva fatto registrare giudizi lusinghieri, contro il Lecce l’inglese ha brillato.

I 10 palloni recuperati, il 92% dei passaggi completati e il 100% dei duelli aerei vinti sono i numeri che vanno in vetrina, ma è il senso di sicurezza che lascia trasparire ad aver conquistato compagni e tifosi. Non stupisce, perciò, che Aldair parli bene del suo erede più che virtuale: «Uno come Smalling potrà essere molto utile. Le squadre adesso attaccano molto di più e i difensori devono attaccare di più l’uomo vicino alla porta, senza farlo girare. E non è facile da fare». Lo scrive oggi La Gazzetta dello Sport.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa