Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Edicola

L’Edicola, Pellegrini out per 40-60 giorni. Totti di nuovo in campo: riparte dal calcio a 8

Tutta la rassegna stampa in un click

LEGGO – L’infermeria di Trigoria ha reclamato l’ennesimo sacrificio. A pagare dazio stavolta è Lorenzo Pellegrini che dovrà restare ai box tra i 40 e i 60 giorni a causa di una frattura del quinto metatarso del piede destro, rimediata contro il Lecce.

Il quarto gol in campionato di Edin Dzeko col Lecce ha portato altri tre punti ma ha alimentato i dubbi su un reparto che poggia tutto sulle sue spalle e che manca di cattiveria come dimostrato proprio domenica al Via del Mare.

IL MESSAGGERO – Testimonial di campagne animaliste e finanziatore di Football Beyond Borders, associazione benefica che aiuta i giovani disagiati del Regno Unito, Chris Smalling è un sostenitore della dieta vegana. I motivi della scelta.

L’impatto di Smalling, rinforzo piazzato al centro del settore più discusso della Roma, è stato sicuramente decisivo per la fase difensiva. Ma bisogna pure evidenziare come gli altri reparti abbiano cominciato a lavorare in funzione della linea arretrata, rendendola meno vulnerabile.

Lorenzo Pellegrini ha riportato una frattura del quinto metatarso e oggi dovrà essere operato (osteosintesi, il termine tecnico). Giovedì in Austria potrebbero giocare Zaniolo e Pastore, con l’italiano sulla fascia e l’ex Psg a sostituire il numero 7.

IL TEMPOFonseca non stravolgerà la Roma per la partita contro il Wolfsberger, ma comunque ci saranno dei cambiamenti. Uno, forzato, è quello della sostituzione di Pellegrini.

Francesco Totti è tornato a calcare i campi da gioco, disputando la gara d’esordio della Serie A1 della Lega Calcio a 8.

La maledizione degli infortuni colpisce un altro romanista illustre: a Lecce Lorenzo Pellegrini si è rotto il quinto metatarso del piede destro e oggi dovrà operarsi. Dopo l’intervento si sapranno i reali tempi di recupero.

LA GAZZETTA DELLO SPORT – Probabilmente i tifosi della Roma hanno riscoperto un numero che diventa carne e sangue: Chris Smalling è un «sei». Chissà, forse come quello che per 13 anni vestì la maglia della Roma facendo innamorare tutti e conquistando il mondo, Aldair Nascimento do Santos.

A più di 26 anni di distanza Francesco Totti ha esordito di nuovo in serie A. Quella di Calcio a 8 che ha visto ieri sera alla Longarina lo storico capitano romanista impegnato nella prima partita del campionato nazionale di A1 tra la Totti Sporting Club e l’Atletico Winspeare F8. La finalità è benefica, perché la Lega Calcio a 8 sosterrà la campagna «Frammenti di Luce» del Bambin Gesù. La voglia di giocare c’è ancora: «Tanto corre il pallone, da 30 anni, posso pure giocarle tutte».

Ieri per la Roma e per Lorenzo Pellegrini è arrivata la doccia gelata: frattura del quinto metatarso del piede destro, il centrocampista verrà operato questa mattina a Villa Stuart, sottoposto ad intervento di osteosintesi. I tempi di recupero variano tra un mese e mezzo e due.

CORRIERE DELLO SPORT – La Roma di Lecce ha dato la sensazione di essere una squadra solida, al di là dell’imbattibilità finalemente raggiunta da Pau Lopez. È il merito è anche degli aggiustamenti dell’allenatore.

In Europa League, contro il Wolfsberger, spazio sulla trequarti a Zaniolo, Pastore e Kluivert: per l’argentino sarebbe la seconda gara da titolare in stagione dopo quella sempre in Europa contro l’Istanbul Basaksehir.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Edicola