Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Konsel: “Il Wolfsberger è una grande sorpresa. Pau Lopez? Mi piace, è un buon portiere”

“A Roma un periodo bellissimo, due anni in cui sono entrato nel cuore dei tifosi e loro nel mio “

Al momento che dall’urna è uscito il nome del Wolfsberger la mente è subito andata alle conoscenze “giallorosse” legate all’Austria. Nella Roma di Liedholm che ha vinto lo scudetto c’era Herbert Prohaska e qualche anno dopo, con Zeman in panchina, un altro giocatore austriaco ha vestito la maglia giallorossa: Michael Konsel. Dopo aver gestito una scuola calcio per portieri “Er Pantera” ha cambiato area di azione: prima dieci anni a Sky come commentatore, ora lavora per una TV locale e scrive su un quotidiano della zona. Protagonista dell’AS Roma Match Program in vista della trasferta austriaca dei giallorossi, Konsel ha rilasciato le seguenti dichiarazioni:

Pantera, perché?
“Quando sono arrivato a Roma avevo già il soprannome di Pantera verde dell’Austria Vienna. Poi nella capitale sono diventato ‘Er Pantera’. Un soprannome che mi hanno sempre dato i tifosi che mi piace moltissimo. È stato un grande onore per me portare quel nomignolo. Quando torno in Italia i tifosi mi fermano per la strada e non mi chiamano per nome!”.

Alla Roma due stagioni 45 presenze… che periodo ha vissuto?
“Un periodo bellissimo. Due anni in cui sono entrato nel cuore dei tifosi e loro nel mio”.

Qual è il momento che ricorda con maggiore affetto?
“Non è facile sceglierne uno solo… eravamo un bel gruppo di giocatori forti… e di amici”.

Veniamo al presente, la Roma di quest’anno le piace?
“Siamo ancora all’inizio, non ho avuto modo di vedere molte partite, ma sono fiducioso. Mi piace l’approccio che vuole dare mister Fonseca, un calcio di attacco, aggressivo, magari un po’ pericoloso, ma che può dare buoni frutti”.

Qual è il suo giudizio sul mister?
“Paulo Fonseca sta lavorando bene, è all’inizio, ma il suo calcio mi piace. È un po’ come il calcio che facevamo noi con Zeman, un gioco divertente ed efficace se bene fatto. Ma non c’è molto spazio per sbagliare, gli avversari puniscono le disattenzioni”.

Quest’anno è arrivato un nuovo portiere Pau Lopez…
“Mi piace il suo modo di giocare, è un buon portiere. Un calciatore moderno, che gioca anche con i piedi. Un modo di giocare se vuoi un po’ rischioso, ma interessante”.

Parliamo dell’avversario della Roma, il Wolfsberger. Da giornalista che segue il calcio austriaco, lo ha visto giocare spesso?
“Ho visto spesso il Wolfsberger giocare. Sono una grande sorpresa. Già nello scorso anno avevano fatto bene, poi hanno iniziato benissimo questa stagione. Vengono da quattro vittorie e un pari nell’ultima partita. Sono un gruppo di 14/15 amici che sono cresciuti insieme, che amano giocare insieme e i pochi innesti si sono bene integrati”.

Anche loro hanno cambiato allenatore.
“Sì Gerhard Struber è arrivato quest’anno. Lo conosciamo bene, per anni è stato il manager del Salisburgo. Il suo è un gioco aggressivo e offensivo. Pressa a tutto campo, con giocatori forti fisicamente”.

Nella prima giornata del girone hanno battuto 4-0 il Mönchengladbach, in trasferta.
“Hanno fatto la partita perfetta, nessuno se lo aspettava”.

Chi passerà il girone?
“La Roma per prima e Wolfsberger secondo. Vorrei superassero i gironi la squadra del mio paese e quella del mio cuore”.

L’Europa League crede possa essere  un obiettvo per la Roma di quest’anno?
“Secondo me sì. Anno dopo anno questa competizione diventa sempre più importante, e potrebbe essere una buona occasione per vincere un trofeo”.

Chi potrebbe risolvere la gara giovedì a Graz?
“Dzeko. Edin è una garanzia del gol”.

Giovedi serà a cosa o chi dovranno fare attenzioni i giallorossi?
“La loro forza è il gruppo. La Roma in questo inizio di stagione ha tanti impegni ravvicinati e deve tenere ‘calma’ la testa, allenarsi bene e mantenere la concentrazione. Ha tutte le carte per fare bene sia in Austria, sia nelle altre partite del girone”.

Prima di salutarci, le capita di venire a Roma?
“Sì, vengo sempre volentieri, ho molti amici nella Capitale e mi piace venire a vedere la Roma giocare”.

Quale zona della città preferisce? C’è un posto che consiglierebbe di visitare ad un suo amico?
“Trigoria!!! E poi lo stadio Olimpico! Certo Roma è bellissima ed è difficile individuare una sola zona o monumento. Trastevere, Testaccio, il centro… ma nel mio cuore rimane il centro Sportivo di Trigoria e lo stadio. Lì ho passato due anni bellissimi!”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News