Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Focus

Gol, passaggi e palle perse: la partita di Spinazzola (TWEET)

Il terzino ha siglato il suo primo gol con la maglia giallorossa, portando in vantaggio la Roma. Vediamo insieme alcuni dati della sua gara

La Roma pareggia 1-1 contro il Wolfsberger nella seconda giornata della fase a gironi di Europa League. Nonostante il vantaggio acquisito grazie al primo gol di Leonardo Spinazzola con la maglia giallorossa, gli uomini di Fonseca non sono riusciti a portare a casa i 3 punti, che avrebbero concesso alla squadra di ritrovarsi da sola in testa al girone J. Nonostante alcuni errori, la partita del terzino giallorosso è risultata per lo più positiva, ma andiamo nel dettaglio, grazie ai dati raccolti dal profilo Twitter AS Roma Data.

Solo nel primo tempo l’ex Juve ha toccato la palla 67 volte, il numero più alto registrato dalla Roma nei primi 45 di gioco. Oltre a ciò il giocatore ha tentato per 7 volte il dribbling, portando a casa il risultato in 3 occasioni. Da sottolineare però il dato negativo dei 16 palloni persi, segno inconfondibile di una sofferenza nell’uno contro uno, sottolineata anche dal giocatore al termine della sfida.


In totale il terzino ha collezionato 113 tocchi, effettuando 44 passaggi con un’accuratezza del 74%. Due le occasioni create, di cui una concretizzata in gol nel primo tempo, e 4 dribbling riusciti su 9, quasi la metà. Il dato negativo dei palloni persi sale poi a 37, ma ciò è legato anche ad un calo generale della squadra e alla stanchezza accumulata nel secondo tempo.


In compenso la partita di Spinazzola è più che positiva: se da un lato il giocatore ha perso palla troppe volte, dall’altra si può notare come sia stato il giocatore più coinvolto nella manovra offensiva della squadra di Fonseca.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Focus