Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

La Roma in Europa League perde…un logo (FOTO)

Nella partita di ieri contro il Wolfsberger la Roma ha dovuto modificare la terza maglia, poiché non conforme agli standard richiesti dalla Uefa

Una modifica che farebbe impallidire anche i solutori più abili del gioco “Aguzzate la vista” della Settimana Enigmistica, ma in molti hanno notato il cambio di maglia ieri della Roma: nello specifico parliamo della terza casacca, quella blu, vista in entrambe le sfide di Europa League.

Ebbene, tra quella indossata contro l’Istanbul Basaksehir e quella di ieri, c’è una piccola, seppur fondamentale differenza: nella filigrana della maglia non compaiono più 2 loghi, ma solo uno. La motivazione di questa modifica risiede nel regolamento Uefa sulle divise di gioco che vieta la riproduzioni di più di due loghi sulla stessa maglia. Nella prima versione del kit prodotto dalla Nike ce n’erano tre: il logo della Roma sul petto, il lupetto e la scritta “ASR” nella filigrana della maglia. La maglia indossata contro il Basaksehir era quindi non conforme alle regole europee e i giallorossi sono corsi ai ripari nella sfida di ieri sera. Una modifica che riguarderà solo l’Europa League e non la Serie A, e che non avrà ripercussioni sul merchandise.

Sopra il dettaglio della maglia “classica”, sotto la nuova versione per l’Europa League indossata ieri

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra