Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma a metà, Spinazzola non basta

La squadra B sarebbe potuta bastare per superare la compagine austriaca

I giocatori del Wolfsberger sono rimasti in campo almeno 15 minuti dopo il fischio finale per prendersi gli applausi dei tifosi. Eppure la Roma ha avuto in pugno la vittoria dopo essere passata in vantaggio con Spinazzola e la squadra B sarebbe potuta bastare per superare la compagine austriaca.

Fonseca ha mandato in campo una formazione con molte seconde linee per risparmiare alcuni titolari. C’è stata qualche defezione dell’ultima ora come quella di Paul Lopez mentre Florenzi ha accusato un attacco influenzale. Così c’è stato l’esordio di Mirante in stagione, la prima da titolari per Santon e Kalinic e Pastore ha avuto un’altra chance.

E’ stato spesso nel vivo del gioco, ha supportato la fase offensiva, ma con i suoi tempi e spegnendosi lentamente nella ripresa. Kalinic è apparso ancora molto lontano dalla migliore condizione, ha giocato troppo spalle alla porta, provando a fare la sponda per i compagni.

Nella ripresa il Wolfsbergerè partito meglio e ancora più veloce con un pressing che ha impedito alla Roma di ragionare. Dopo un tiro parato a Zaniolo è arrivato il pareggio grazie a una perla di Liendl. Lo scrive il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa