Resta in contatto

Rassegna Stampa

Calafiori: “La Roma per me è tutto. Con Kolarov ho un rapporto speciale, Fonseca ti fa divertire”

Il giovane terzino giallorosso: “Ogni tanto penso a quanto sarebbe bello segnare e correre sotto la Curva per abbracciare i tifosi”

Riccardo Calafiori, terzino della Roma Primavera, ha rilasciato un’intervista al Corriere dello Sport. Queste le sue parole:

Ha mai pensato di smettere?
No. Mai. Alla clinica Villa Stuart mi dissero che avrei dovuto fare due operazioni e che forse non avrei potuto più giocare. Così sono andato a Pittsburgh, negli Stati Uniti, dove si è operato anche Ibra. Lì il chirurgo mi ha rassicurato. Ringrazio anche De Rossi che mi è stato molto vicino, da vero capitano.

Capitolo Roma. Cosa significa per lei questa squadra?
La Roma per me è tutto. È un insieme di amore, sogni, sacrifici, passione ed emozioni. Roma è casa mia, vorrei restarci per sempre. Ogni tanto penso a quanto sarebbe bello segnare e correre sotto la Curva per abbracciare i tifosi.

Chi è il suo idolo?
Da bambino Vucinic. Ora Kolarov, con cui ho un rapporto speciale. Sarebbe bello diventare il suo erede. A livello internazionale stravedo per Marcelo.

Cosa è cambiato con l’arrivo di Fonseca?
È un allenatore che ti fa divertire, il clima è positivo. Ovviamente adesso c’è meno spazio per noi giovanissimi, ma è giusto così. Prima dovranno arrivare un po’ di risultati.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa