Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Insulta Juan Jesus. Il papà lo ferma: “Ci penso io”

Dopo il deplorevole episodio degli insulti ricevuti su Instagram e la conseguente denuncia pubblica, continua la battaglia di Juan Jesus contro i razzisti

“Quello che faccio non è solo per me, ma per tutti quelli che subiscono offese per il colore della pelle e devono chinare la testa – dice il difensore -. Non abbassatela, tenetela alta“.

Il brasiliano ha rivelato poi di non aver denunciato un altro ragazzo che lo aveva insultato, grazie all’intervento del padre del giovane: “Mi sono vergognato da morire, va contro tutto quello che gli ho insegnato. Da papà – dice il genitore a Jesus – le chiedo di non sporgere denuncia, ci penso io a dargli una lezione che non dimenticherà mai“. Lo scrive Il Tempo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa