Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Eberl (ds ‘Gladbach): “Con la Roma è una partita che dobbiamo vincere”

Il dirigente dei tedeschi: “Le assenze della Roma? Anche noi le abbiamo”

Intervistato dalla redazione di Tele Radio Stereo, il DS del Borussia Monchengladbach, Max Eberl, ha parlato della sfida di giovedì sera allo Stadio Olimpico tra la Roma e la squadra tedesca:

Direttore, per voi giovedì sarà l’ultima opportunità per la qualificazione ai sedicesimi?
“Dopo l’avvio in Europa League, in cui abbiamo ottenuto soltanto un punto in 2 partite, sicuramente la gara contro la Roma sarà molto importante. Non mi piace parlare di ultima occasione ma sicuramente dobbiamo vincere”.

La Roma è in emergenza, Paulo Fonseca ha molti giocatori infortunati: è una buona notizia per voi o vi dispiace non affrontare l’avversario al meglio? Cosa pensa dunque dell’attuale Roma?
“Nonostante gli infortuni la Roma ha un’ottima rosa. Sarà una grande sfida per noi perché i giallorossi sono un top club in Italia, hanno qualità tecnica e tattica. Allo stesso tempo, però, anche noi abbiamo delle defezioni importanti”.

In questo momento, Dzeko è l’unico top player della Roma?
“Edin è sicuramente un giocatore di livello mondiale. Sta facendo delle eccellenti stagioni alla Roma, in Germania poi lo ricordiamo bene dai tempi del Wolfsburg. Tuttavia per avere ottimi risultati bisogna disporre di giocatori bravi, di talento e la Roma ha una buona rosa”.

L’ultima è una curiosità: la scorsa estate la Roma vi ha chiesto qualche giocatore o i contatti più recenti risalgono ai tempi di Monchi?
“No, nell’ultima sessione non abbiamo mai parlato con la Roma. Nell’ultimo anno con il club giallorosso non ci siamo mai sentiti”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News