Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Rose: “Faremo di tutto per ottenere il successo”. Sommer: “Sono contento di come lavora Pau Lopez”

Il tecnico tedesco e il portiere del Borussia in conferenza stampa alla vigilia della sfida di Europa League contro la Roma

Marco Rose, allenatore del Borussia Monchengladbach, in vista della sfida di Europa League di domani contro la Roma, ha parlato in conferenza stampa. Insieme al tecnico tedesco, il portiere svizzero Yann Sommer:

A ROSE:

Come arriva il Borussia a questa partita? Questa è la partita più difficile del girone? Gli infortunati?
“Abbiamo degli infortunati ma la situazione è comunque ottimale. Domani faremo di tutto per ottenere il successo”.

Che cosa temi di più di questa Roma?
“Vogliamo giocare al massimo delle nostre possibilità, la Roma è una buona squadra, ma ci stiamo preparando a questa gara da giorni”.

Nelle ultime 6 partite in trasferta avete subito solo 3 gol, domani aspetterete la Roma o giocherete in attacco?
“Abbiamo delle individualità forti in difesa ma non li aspetteremo. Cercheremo di costruire anche in attacco”.

Stindl non si è presentato, qual è la situazione?
“Preferisco non parlare della vita privata degli altri. Spero domani sia presente”.

Nelle ultime partite ci sono stati degli episodi di razzismo, come si affronteranno queste situazioni?
“Il calcio è uno sport e come tale deve unire le persone non dividerle. Certamente saremo preparati anche a questo”.

Come sopperirà all’assenza di Plea?
“Sì è un giocatore importante, ma abbiamo una rosa forte con molti giovani che possono sostituirlo”.

A SOMMER:

Qual è la condizione della squadra?
“Ci siamo preparati al massimo perché vogliamo arrivare fino in fondo all’Europa League, anche fino a Danzica”.

Hai visto Pau Lopez? Che ne pensi?
“Sono contento di come sta lavorando e di come si posiziona. Sono felice di questa piccola sfida che ci sarà domani”.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News