Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Zaniolo e l’esordio in azzurro a Udine. Uno stadio “amico”

Zaniolo spera di siglare il primo gol lontano dall’Olimpico, nello stadio dove ha esordito con la Nazionale

Ci sono alcuni stadi a cui ti affezioni gioco forza. Anche se non sono il tuo, quello in cui giochi ogni volta con la tua gente che tifa per te, quello in cui ti senti a casa. Ecco, uno di questi stadi per Nicolò Zaniolo è proprio la Dacia Arena di Udine. Del resto, proprio qui Zaniolo sette mesi fa ha vissuto uno di quei momenti che restano per sempre nella mente di un giocatore: l’esordio in nazionale, la prima volta con la maglia azzurra dei grandi.

E’ successo il 23 marzo scorso, quando l’Italia di Roberto Mancini ha battuto per 2-0 la Finlandia. A 4 minuti dalla fine il c.t. ha chiamato proprio lui, Zaniolo, l’uomo che nel 2018 aveva convocato in uno stage senza neanche che avesse mai messo piede in Serie A. Pochi minuti, ma un’emozione gigantesca. E oggi andrà a caccia anche del primo gol in formato esterno, visto che le 9 marcature segnate nelle 48 partite in giallorosso sono finora arrivate tutte in casa. Dovesse riuscirci, sarebbe anche il quinto giocatore più giovane della storia romanista a tagliare il traguardo delle dieci reti dopo Totti (19 anni e 69 giorni), Amadei, Bacci e Di Benedetti.
Lo riporta “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa