Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Dzeko mascherato insegue la rivincita

Il bosniaco vuole cambiare il trend contro il Napoli all’Olimpico. Mai un gol contro i partenopei in casa, 4 invece le reti messe a segno al San Paolo

Edin Dzeko ha già velocizzato i tempi di recupero dopo la doppia frattura allo zigomo senza saltare nemmeno una partita e dovrà sopportare la protezione per almeno un paio di partite. Oggi incrocerà il Napoli e proprio a Napoli nel 2013 poteva andare: Mazzarri lo aveva chiesto a De Laurentiis ma il rapporto tra loro due si logorò e l’ingaggio di Benitez aprì la strada al colpo Higuain.

Oggi Dzeko cercherà di farsi rimpiangere come è già capitato al San Paolo, dove ha già segnato 4 gol. Al bosniaco però quando affronta i partenopei all’Olimpico non gli va benissimo: non ha mai segnato e viene da tre sconfitte consecutive. Ad Udine si è visto come Dzeko sia stato uno grande protagonista, un meccanismo di un sistema collaudato. Con Florenzi ormai in panchina, il capitano in campo è lui e sente un senso di responsabilità maggiore. In estate ha sposato a pieno il progetto Roma e grazie ai suoi gol vuole vincere qualcosa con questa maglia. Intanto per quest’anno gli basterebbe tornare in Champions, iniziando proprio oggi a battere il Napoli per quello che è a tutti gli effetti uno scontro diretto per la lotta alle prime quattro posizioni. Lo riporta il quotidiano Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa