Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mancini, il direttore d’orchestra

Da quando Mancini gioca a centrocampo la Roma è rinata e non ha più perso

Mancini si è calato nel nuovo ruolo con la serenità di un veterano. A Trigoria lo apprezzano tutti anche dal punto di vista umano. Era stato Monchi a porre le basi per un suo acquisto e in giallorosso sta completando la sua maturazione. A 23 anni riesce a rendere facili le cose più complicate e ha conquistato i tifosi con il suo impegno e per quella foto che lo ritrae con le mani giunte in preghiera durante il rigore di Veretout. E’ stato uno dei primi ad andare a ringraziare i tifosi al termine della partita.

Mancini è un professionista e ascolta le persone con le quali lavora e prima di lasciare il campo è stato qualche minuto a parlare col tattico Tiago Leal per rivedere alcune posizioni in campo. Questo ruolo lo conosceva da ragazzino perché è diventato difensore soltanto nella Primavera della Fiorentina doveva veniva seguito da Montella. Lo riporta il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa