Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma, la mano di Fonseca

In pochi mesi, il portoghese, ha portato i giocatori dalla sua parte e loro lo seguono

Il salto in alto della Roma è stato improvviso ed inaspettato perché arrivato dopo la peggior prestazione in stagione contro la Sampdoria. Fonseca non è sorpreso e corre forte: +6 rispetto allo scorso anno, 2 gol segnati in più e 2 subiti in meno e prima del Napoli ha detto: “La squadra gioca come piace a me“.

In pochi mesi ha portato i giocatori dalla sua parte e loro lo seguono e si vede. Il successo l’ha ottenuto dentro lo spogliatoio, guarda dritto neglio occhi e sceglie, anche lasciando fuori il capitano: Florenzi va in panchina da 4 partite. C’è chi ha fretta di capire che Roma sarà con i titolari a disposizione, ma Fonseca si tiene stretto ciò che ha e che l’ha fatto viaggiare più forte dei primi nelle ultime tre partite riconquistando il terzo posto dopo un anno e mezzo.

In piena emergenza è arrivata l’evoluzione tattica, fisica e caratteriale. Il portoghese ha avuto la possibilità di insistere e quindi di addestrare solo alcuni giocatori. Il rendimento del collettivo e dei singoli è lievitato e il turnover è stato azzerato per mancanza di interpreti. I riferimenti sono dentro campo: Pau Lopez, Smalling, Kolarov e Dzeko. Con loro Mancini, Pastore, Vertout, Zaniolo e, quasi sempre, Kluivert. Il centrocampo detta il gioco. Sempre pressing, sacrificio, palleggio e ricamo. Lo riporta Il Messaggero.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa