Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Monsignor Fisichella e quella benedizione che fa volare i giallorossi di Fonseca

Il 25 ottobre la Roma ha fatto benedire il centro sportivo

Che il calcio abbia chiesto spesso l’intervento benevolo del Sacro è cosa nota. La Roma statunitense — pur con i tacchetti piantati nel Terzo Millennio — undici giorni fa ha scelto la via dell’umiltà funzionale, chiedendo a monsignor Rino Fisichella di andare a benedire il centro sportivo di Trigoria. Fermo immagine. Fino a quel momento, la squadra di Fonseca aveva assommato un numero di problemi fisici pari a dieci puntate in simultanea di “Doctor House”, “Grey’s Anatomy” e “E.R. Medici in prima linea”. Non basta. Il giorno precedente a quel 25 ottobre, i giallorossi erano stati raggiunti in pieno recupero dal Borussia grazie ad un rigore totalmente inventato, assegnato dall’arbitro Collum, scozzese e quindi forse anche cattolico.

E così quel venerdì — tra dirigenti, funzionari, giocatori e staff tecnico — c’erano poco meno di cento persone ad assistere alla benedizione itinerante di tutto il centro sportivo, che peraltro ha anche una cappellina (a dispetto delle voci, mai sconsacrata) in cui la famiglia Sensi e qualche calciatore pio amava sentire messa. Risultato di questo tuffo nella santità? Tre partite, tre vittorie e terzo posto. Insomma, una trinità di obiettivi che, lungi da accostamenti blasfemi, è proprio quella che la Roma andava cercando. Lo riporta La Gazzetta dello Sport.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa