Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Numeri da fenomeno. Zaniolo, 20 anni e 11 gol con la Roma

4 gol di fila per il numero 22

Ora anche Capello si è convinto: “Zaniolo è il talento italiano più forte che abbiamo“. Proprio dopo l’uscita infelice di Don Fabio, relativa alla cattiva strada presa da Nicolò, sono arrivati 4 gol di fila, uno più bello e importante dell’altro. Una rivincita di gran classe quella di Zaniolo che a 20 anni e 126 giorni ha già segnato 11 gol in giallorosso. Meglio di lui solo Totti e Amadei. Insomma un capolavoro. Che Nicolò, cresciuto nel mito di Kakà, si gode senza montarsi la testa. “Non mi sento un giocatore affermato, devo continuare così, lavorare in campo per affermarmi in futuro – ha detto al sito dell’Uefa -. Mi sento un giocatore che deve ancora migliorare tanto. La partita che ricordo con più orgoglio è quella della doppietta al Porto. Devo essere bravo a non sedermi su quello e a continuare a viverne altre“.

Come quella di Napoli. Parole da leader che nel recente passato ha conosciuto anche il bastone oltre che la carota. Messo fuori rosa in Nazionale, ha subito pure le lavate di testa pubbliche e non del ds Petrachi e di Fonseca che sembra avergli trovato la collocazione tattica giusta come conferma il Principe Giannini: “E’ un fenomeno, ma doveva stabilizzarsi in una posizione del campo. Finalmente l’ha trovata e ora fa la differenza. La sua corsa andava sfruttata al meglio. Fonseca ha compiuto tre capolavori: Mancini, Pastore e lo stesso Zaniolo“. Ma pure di Totti che qualche mese fa gli aveva consigliato: “Deve essere più umile“. Lo scrive Leggo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa