Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Rose: “Il rigore dell’andata non c’era. Vogliamo essere protagonisti”. Zakaria: “Vogliamo giocarcela”

La conferenza di vigilia

Marco Rose, tecnico del Borussia Monchengladbach è intervenuto in conferenza stampa insieme al centrocampista Denis Zakaria, in vista della gara contro la Roma:

MARCO ROSE

Quanto sarà importante la partita di domani?
“Tutte le partite sono per noi importanti, dopo questa partita faremo le nostre valutazioni, ma è importante come ogni altra”.

Come sarà l’approccio della gara di domani?
“Penso che dobbiamo confermare le prestazioni delle ultime settimane, abbiamo fatto buone partite facendo buoni punti. Siamo usciti dalla coppa facendo ottime gare. L’avversario è in forma, ha vinto tre partite dopo la gara con noi ed è terzo in classifica, vogliamo essere protagonisti e lo faremo con la spinta del nostro pubblico”.

Come stanno Embolo e Thuram?
“Embolo sta bene ma domani non potrà giocare. Thuram giocherà come centravanti, in precedenza giocava sulle fasce, ma al centro può fare bene”.

Si aspetta una partita diversa rispetto a quella dell’andata?
“Il rigore all’andata non c’era. Abbiamo visto come si gioca contro una squadra come la Roma. Abbiamo sviluppato un pensiero su come si gioca contro una squadra del genere”.

Cosa l’ha spinta a diventare allenatore?
“Ho iniziato a giocare a calcio e poi ho iniziato a pensare al futuro. Ho sempre pensato di voler fare l’allenatore, ho iniziato con i giovani. Il calcio è la mia passione, ho da sempre voluto restare nel calcio. Come idoli ho ad esempio Klopp”.

Come va la situazione degli infortunati?
“Sta migliorando, alcuni stanno tornando a disposizione. Zakaria giocherà, ma poi vederemo dalla rifinitura e decideremo anche negli ultimi minuti”.

Cosa ne pensa della Serie A e del livello del campionato?
“Ci sono sempre queste discussioni dopo partite di Champions, come ad esempio ieri dopo Borussia-Inter. E’ sempre un discorso molto difficile, magari con la Premier League in testa, ma poi le altre leghe sono comunque competitive. Io me la gioco con tutte, con il sorriso visto che può succedere di tutto, anche a club come Barcellona e PSG”.

Quanto è importante che il gruppo sia unito per proporre le sue idee di gioco?
“Tutta la squadra porta avanti le idee che propongo. E’ uno sport di gruppo ed è molto importante che l’ambiente remi dalla stessa parte. Stiamo funzionando molto bene come squadra ed è la base per ottenere dei successi”.

DENIS ZAKARIA 

Quale lezione vi ha dato la partita dell’andata?
“Abbiamo iniziato bene e siamo stati compatti. Abbiamo gestito la partita, soprattutto all’inizio. Vogliamo scendere in campo con quell’atteggiamento anche domani contro una grande Roma per giocarsela fino in fondo”.

Rudi Voeller è un suo estimatore e ha detto che è il miglior giocatore della rosa, cosa ne pensa?
“Siamo una squadra forte e non si può dire che io sia il migliore. Abbiamo uno spirito di squadra molto forte”.

A quale centrocampista si ispira?
“Non ho tanti idoli, ma mi sono ispirato a Pogba e Vieira”.

Quanto è importante il vostro spirito di squadra?
“Quello che vogliamo fare è giocarcela a viso aperto come abbiamo fatto nel primo tempo della partita d’andata. Per vincere dovremo giocare così per tutti i 90 minuti. Tutti i giocatori in rosa sono forti e penso che potremo arrivare molto lontano in tutte le competizioni”.

 

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News