Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Stakanovisti giallorossi

Infaticabili, inossidabili e indistruttibili. Sono tanti gli aggettivi con cui possono essere definiti Kolarov e Dzeko, i due giocatori di movimento più utilizzati da Fonseca dall’inizio della stagione. E molto probabilmente toccherà ancora a loro guidare la Roma nella sfida di Europa League di domani con il Gladbach.

Il serbo è in assoluto il calciatore che ha giocato di più, avendo totalizzato 1180 minuti: l’unica volta in cui è subentrato è stato nel match europeo con il Wolfsberger, per il resto è sempre partito titolare e non è stato mai sostituito. Kolarov tra pochi giorni compirà 34 anni ed è ancora uno dei punti fermi della squadra. Dai suoi piedi passa un’infinità di palloni e le statistiche mostrano che è il quinto, su ventiquattro calciatori impiegati, per numero di passaggi tentati in campionato, una classifica in cui primeggia Mancini. Il contributo di Kolarov è infatti determinante anche dal punto di vista della realizzazione: due gli assist forniti e quattro i gol segnati, di cui due su punizione e due dal dischetto.

Poco sotto a Kolarov nella classifica dei minutaggi dei giocatori giallorossi c’è Dzeko, che si piazza al terzo posto assoluto, appena dietro a Pau Lopez. Il centravanti è stato lasciato a riposo da Fonseca contro il Wolfsberger ed era stato inizialmente tenuto fuori con la Sampdoria, salvo poi essere costretto a subentrare a Kalinic, che ne avrà per un paio di mesi per l’infortunio.

L’assenza del croato obbligherà il numero 9 della Roma a fare gli straordinari. Dzeko, che vista la mancata titolarità di Florenzi, ha assunto i gradi di capitano: è andato a segno per sei volte in questa prima fetta di stagione ed ha messo nel mirino Amadeinella classifica dei bomber all-time a quota 111 gol. Lo riporta Il Tempo. 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa