Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Fazio: “Abbiamo perso troppi punti contro questa squadra. Dobbiamo guardare avanti”

Il difensore giallorosso: “Se giochiamo con questa grinta tutte le gare possiamo vincere spesso. Dobbiamo già pensare alla sfida di Parma”

Al termine della gara di Europa League persa dalla Roma 2-1 contro il Borussia Monchengladbach, il difensore Federico Fazio ha rilasciato le seguenti dichiarazioni:

FAZIO A ROMA TV

Sconfitta difficile da digerire
Sì ma non parliamo di arbitri, abbiamo fatto una partita molto fisica con una grande squadra. Se giochiamo con questa grinta tutte le gare possiamo vincere spesso.

Hai fatto un autogol e poi hai segnato, hai reagito bene.
Questo è il calcio, l’unica cosa che puoi fare è rialzarti e ripartire. Dobbiamo già pensare alla sfida di Parma, è una gara fondamentale per noi.

Cosa vi siete detti nello spogliatoio
Abbiamo perso punti importanti contro questa squadra, è doloroso sia il pareggio che la sconfitta. Dobbiamo guardare avanti e rialzare la testa.

Primo tempo sottotono
E’ stata una partita equilibrata, loro sono molto fisici e non è facile affrontarle. Ma ripeto, dobbiamo guardare avanti.

FAZIO A SKY SPORT

Quanto è forte la delusione del gol all’ultimo respiro?
Sì, peccato per la sconfitta. Anche all’andata abbiamo perso punti importanti. Dobbiamo alzare la testa e guardare avanti., domenica c’è una partita importantissima. Al di là della sconfitta abbiamo fatto una grande partita, giocando così ne vinceremo altre in stagione.

Hai vissuto una partita strana…
Peccato per l’autogol, poi ho segnato. Al di là di segnare o no, non cambia nulla.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra