Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Fonseca scaccia ogni pressione: «Partita decisiva? Sì, ma per loro…»

Parla il tecnico portoghese in conferenza stampa

«Decisiva è solo per il Gladbach». Il sorriso di Paulo Fonseca è dedicato a Marco Rose. Pressione sul collega che è in testa nella Bundesliga e stasera ha pure il vantaggio dei 47 mila spettatori del Borussia Park. «Poi anche per noi la tappa è importante. Al passato, cioè all’andata, non dobbiamo però più pensare. Guardiamo avanti. Bisogna lottare per vincere qui e basta. Perché la Roma, in campionato o in Europa League, deve presentarsi in campo con la stessa mentalità. Puntando, dunque, al successo».

Il messaggio che il portoghese invia dalla Renania Settentrionale è inequivocabile. La Roma terza deve difendere la posizione sul podio appena riconquista dopo l’attesa lunghissima. Qualche titolare sarà risparmiato per la partita di domenica pomeriggio al Tardini contro il Parma. Almeno 3 novità dopo la vittoria contro il Napoli, 2 sono in difesa: Fazio per Cetin e Santon per Spinazzola. L’altra è in attacco, dietro a Dzeko: Perotti per Pastore, anche se il ballottaggio coinvolge pure Under e Florenzi.

Fonseca non si sbilancia sul ruolo del capitano, lasciato da 4 gare in panchina: «E’ pronto e può giocare in diverse posizioni. Turnover? Cambiare, quando abbiamo tante gare, mi è utile. Ora non è possibile. Mi taglierei lo stipendio pur di giocare meno partite. Sono disposto a perdere denaro pur di vedere uno spettacolo migliore. Tutti si vogliono sedere davanti alla tv per divertirsi. Anch’io. Questo, però, non succede in Italia e nemmeno all’estero. Perché, con troppe partite, i club non possono schierare sempre i giocatori migliori. Una volta ci sono le coppe, un’altra il campionato o comunque la nazionale. Dal punto di vista fisico è impossibile avere i calciatori al cento per cento in ogni match e per tutta la stagione».
Lo riporta “Il Messaggero”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa